Mi sono sentita in dovere di intervenire, nonostante pensi che i figli non debbano intervenire nel dibattito politico che riguarda i genitori, con la lettera al Corriere della Sera perché volevo difendere il collega de l’Unità, Massimo Franchi. Ho letto un articolo su il Fatto Quotidiano che raccontava della minaccia di un provvedimento disciplinare dell’editore (e non del direttore, come solitamente avviene) per un tweet di Franchi che criticava un articolo della stessa Unità sull’eredità politica mio padre“. Così il direttore del Tg3 (Raitre), Bianca Berlinguer, ospite insieme al presidente della Regione del Friuli-Venezia Giulia Debora Serracchiani (Pd) a ‘Otto e mezzo‘ su La7. “Penso che sia rischioso – continua la giornalista – tirar fuori i leader storici, estrapolando le loro parole dal contesto in cui sono state pronunciate, perché c’è il rischio di prestarsi a critiche e strumentalizzazioni. Con mio padre è successo spesso in passato, più che nel presente. La cosa che mi ha sempre addolorato, è quando le parole di mio padre – puntualizza – vengono usate per avvalorare la politica del presente”. La replica della Serracchiani: “Le citazioni di personaggi storici della Sinistra, dimostrano che sono temi discussi da sempre. Questa riforma Costituzionale nasce da un lungo percorso da inserire in un ampio contesto storico”. Il confronto diventa serrato: “Non apprezzo questo discutere la riforma Costituzionale in termini di “democratico/anti-democratico. Non è giusto dire che chi non la vuole è perché vuole mantenere le poltrone. Sono dichiarazioni miserabili”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘A Cena da Me’ (La7), l’affascinante Tullio con le sue provocazioni culinarie. E non solo

prev
Articolo Successivo

Referendum riforme, Carbone (Pd): “Se vince il No, lascio la politica”

next