“La funzione del giornalista è diversa da quella dei giudici, ci sono comportamenti moralmente e politicamente gravi che non costituiscono reato, ma che devono essere raccontati nell’interesse pubblico”. Così il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio spiega alla platea della libreria Il Libraccio di Roma la decisione di pubblicare come prima uscita della nuova collana PaperFirst, la casa editrice de il Fatto Quotidiano, ‘Il potere dei segreti’ di Marco Lillo. Che contiene intercettazioni penalmente non rilevanti che svelano i favori trasversali, i conflitti d’interessi e gli inciuci di chi fa il gioco delle parti nei talk show, nei giornali, anche tra controllori e controllati, tra magistrati e indagati. “Ecco perché, fatte salve le norme sulla privacy e sulla diffamazione, ci opporremo alla legge bavaglio di Renzi, faremo obiezione di coscienza e violeremo questa legge assurda, non solo per rispetto di una deontologia professionale ma perché abbiamo alle spalle qualcosa di superiore alla giurisdizione italiana, la Corte di Strasburgo e la Convenzione dei diritti dell’uomo, dove l’interesse pubblico dei cittadini di conoscere i segreti del potere prevale sempre anche sul segreto istruttorio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cosenza, indagato il capo di gabinetto del sindaco Occhiuto: corruzione e abuso d’ufficio

prev
Articolo Successivo

P2, 35 anni dopo. Colombo: “Così ci impedirono di anticipare Tangentopoli di 10 anni”

next