Dopo l’offerta di Telecom Italia, arriva la controfferta da parte di Enel per Metroweb, la municipalizzata milanese della fibra, controllata da Cassa depositi prestiti e F2i. La proposta di Enel, informale e non vincolante, mette sul piatto 806 milioni di euro. La parola ora passa quindi agli azionisti, cui secondo indiscrezioni Enel offre anche una partecipazione alla società costituita ad hoc per la fibra, cioè Enel Open Fiber. Entrambi i gruppi, quello elettrico e quello telefonico, hanno già chiarito che i loro progetti sulla banda ultralarga proseguiranno anche nell’eventualità che Metroweb non accetti le loro offerte.

La proposta di Enel arriva dieci giorni dopo quella di Telecom da 820 milioni di euro cash: l’offerta valeva fino al 16 maggio, ma l’azienda sembra avere deciso di allungare i termini fino al week end. Intanto, la compagnia telefonica ha dovuto rinunciare al progetto di scambiare Metroweb per il 25% di Sparkle, la controllata dei cavi sottomarini che fa capo a Telecom. Per Metroweb, ha detto l’ad di Telecom Italia Flavio Cattaneo, “abbiamo interesse al prezzo giusto”, indicando di fatto che non ci sarà una controfferta.

Ma per la società telefonica la strada resta in salita. A preoccupare Telecom rimangono i problemi di concentrazione di mercato già sollevati da Vodafone alla fine del 2014. “Qualora Telecom acquisisse il controllo di Metroweb Italia eliminerebbe l’unico operatore di rete attualmente in grado di porsi quale valida alternativa nel mercato dell’accesso fisico all’ingrosso della rete con evidente pregiudizio per la concorrenza, per gli Olo (ovvero tutti gli operatori alternativi, ndr) e, soprattutto, per i consumatori finali”, aveva spiegato Vodafone in una segnalazione all’Antitrust.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Codice appalti, Cantone: “Sono preoccupato, sento sentenze di morte. Tutti rimpiangono il massimo ribasso”

prev
Articolo Successivo

Crac Divania, “gravi violazioni sui derivati”. Unicredit condannata a pagare oltre 12 milioni di euro

next