Nuovo record del debito pubblico italiano a marzo 2016. Secondo i dati di Bankitalia, contenuti nel supplemento Finanza pubblica, fabbisogno e debito, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 14 miliardi rispetto a febbraio, salendo a 2.228,7 miliardi. Il dato arriva mentre il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan è impegnato a difendere la posizione dell’Italia a Bruxelles: Roma, come sottolineato in una lettera inviata a Roma dalla Commissione Ue la settimana scorsa, nel 2015 ha violato la regola che impone ai Paesi con un rapporto debito/pil superiore al 60% di tagliarlo di un ventesimo ogni anno.

Venerdì si sono diffuse indiscrezioni secondo cui l’esecutivo europeo “non è soddisfatto” delle spiegazioni contenute nella lettera inviata il 10 maggio da Padoan. Di conseguenza non si esclude una ulteriore richiesta di informazioni, in vista del 18 maggio quando è atteso il giudizio sulla flessibilità e sul rispetto del Patto di stabilità. I dubbi della Ue sono ancora sulla correzione del deficit strutturale (che viene calcolato in base ai conteggi dei cosiddetti output gap che l’Italia e alcuni Paesi hanno chiesto di modificare) soprattutto per quanto riguarda il rientro nel 2017.

L’incremento del debito, si legge nel Bollettino, è stato inferiore al fabbisogno del mese (21,5 miliardi), grazie alla riduzione di 4,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro e all’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e del deprezzamento dell’euro (2,9 miliardi).

Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 13,9 miliardi, mentre quello delle amministrazioni locali e degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a marzo a 27,8 miliardi, sostanzialmente stabili rispetto allo stesso mese del 2015. Nel primo trimestre del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 89,6 miliardi, superiori di 3,9 miliardi (4,6 per cento) rispetto a quelle relative allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita, Istat: “Nel primo trimestre 2016 Prodotto interno lordo a +0,3%”. Nella zona euro +0,5%

next
Articolo Successivo

Telegraph: “Italia deve scegliere tra l’euro e la sopravvivenza. Renzi mandi l’Europa all’inferno se non vuole il default”

next