Decine di atleti russi che hanno gareggiato alle Olimpiadi Invernali di Sochi nel 2014 facevano parte di un programma di doping di Stato. Questa l’accusa riporta dal New York Times secondo cui tra le persone coinvolte ci sarebbero 14 membri della squadra di sci di fondo e due atleti di bob vincitori di medaglie d’oro.

Per il quotidiano alcuni funzionari avrebbero sostituito campioni di urina ‘contaminati‘ da sostanze dopanti con l’urina ‘pulita’ raccolta nei mesi precedenti. Secondo Grigory Rodchenkov, all’epoca direttore del laboratorio antidoping russo, sarebbero ben 100 i campioni di urina alterati. L’atletica russa è stata bandita da una commissione indipendente della Wada il novembre scorso per doping di stato: a meno che il provvedimento non venga revocato, gli atleti russi salteranno le Olimpiadi di Rio de Janeiro in estate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I ‘Briganti’ di Librino, i rugbisti che inseguono la meta nel quartiere dei clan

next
Articolo Successivo

“Steroidi nel Chivas per gli uomini e nel Martini per le donne”: ecco il doping di Stato russo a Sochi 2014

next