E’ morto oggi per le ferite riportate durante i recenti scontri tra fazioni nella zona il ginecologo Nabil Daas, l’ultimo che rimaneva attivo nella regione di Ghouta orientale, bastione dell’opposizione nei dintorni di Damasco. Lo riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, spiegando che Daas era rimasto ferito alcuni giorni fa nella città di Douma per il fuoco incrociato dei combattimenti fra i gruppi Legione della misericordia ed Esercito di al Fustat da una parte, e l’Esercito dell’Islam dall’altra.

Douma, che si trova a nord di Damasco, è la principale città della regione di Ghouta orientale e feudo dell’Esercito dell’Islam. Nelle ultime settimane quest’area è stata scenario degli scontri fra questi gruppi armati. L’Esercito di al Fustat è legato al Fronte Al Nusra, branca siriana di Al Qaeda.

I centri sanitari e il personale medico sono diventati obiettivo di attacchi nel conflitto siriano. Lo scorso 27 aprile l’ultimo pediatra che rimaneva ad Aleppo, nel nord della Siria, è morto in un bombardamento che ha colpito l’ospedale di Al Quds, nel quartiere di Al Sukari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Periscope, ragazza in Francia filma il suo suicidio in diretta. Procura apre indagine

next
Articolo Successivo

Usa 2016, sondaggio Reuters/Ipsos: “E’ testa a testa tra Trump e Clinton”

next