La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a vent’anni per Luca Varani, accusato di aver assoldato due albanesi per sfregiare con l’acido l’ex fidanzata Lucia Annibali. La decisione dei giudici del Palazzaccio è arrivata dopo 5 ore di camera di consiglio. La sentenza è ora definitiva.

I giudici supremi della prima sezione penale, presieduta da Maria Cristina Siotto, hanno rigettato i ricorsi presentati dalla difesa di Varani contro la sentenza della Corte d’appello di Ancona del 23 gennaio 2015, che ha inflitto a Varani 20 anni di reclusione. L’ex fidanzato è ritenuto il mandante dell’agguato con l’acido, durante il quale, il 16 aprile 2013, due uomini sfigurarono il volto dell’avvocatessa di Urbino. La sentenza di appello è stata in tal modo riconosciuta valida per tutti i capi di imputazione: tentato omicidio, lesioni gravissime e stalking.

La Corte ha anche rigettato il ricorso della procura generale di Ancona, che contestava la tardività dell’appello e in sostanza chiedeva di far ‘rivivere’ la sentenza di primo grado, più severa nei confronti dei due albanesi. E’ quindi definitiva anche la condanna a 20 anni per Varani e a 12 anni per i due sicari, Rubin Ago Talaban e Altistin Precetaj, riconosciuti colpevoli di aver eseguito l’aggressione per conto dell’avvocato pesarese.

“Sono emozionata – ha commentato a caldo l’avvocatessa urbinate – è andata bene, ci sono state tante persone vicine a me. Voglio ringraziarle. Grazie al tribunale di Pesaro, agli inquirenti e ai carabinieri, a cui dedico la sentenza. E’ un messaggio per tutti, la mia è una storia di speranza. Significa che non è mai finita”. “Mi sento di lanciare un pensiero – ha aggiunto – ai ragazzi di Milano sfregiati dall’acido, a cui sono vicina”. Ora “si apre una pagina nuova della mia vita, un nuovo inizio. Ho vissuto tre anni nell’attesa. Spero di vivere appieno quello che verrà”, ha concluso Annibali.

Video di Mauro Episcopo e Chiara Ingrosso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parma, striscioni di CasaPound davanti alle scuole: “La Resistenza è una cagata pazzesca”. Pizzarotti: “Vigliacchi”

prev
Articolo Successivo

Puglia, sequestrato tritolo. Pentito pugliese: “Doveva uccidere il procuratore di Napoli”

next