La presentazione dell’iniziativa Let Girls Learn (LGL) da parte di Michelle Obama alla Banca Mondiale (Bm) e l’annuncio della Bm di destinare almeno 2.5 miliardi di dollari nell’educazione delle adolescenti, ha creato scalpore e alcune contrarietà tra i non addetti ai lavori. In molti si chiedono per quale motivo ci si debba focalizzare sull’istruzione delle adolescenti e non invece promuovere l’educazione per tutti, indipendentemente dal sesso, alcuni ci accusano addirittura di ‘femminismo di regime’. La Social Change School sostiene la campagna #LetGirlsLearn e per questo ci fa piacere spiegarne meglio le ragioni.

istruzione-630x418

Alcune le ha fornite chiaramente Silvia Fontana nel un suo recentissimo intervento #LetGirlsLearn: il ruolo della Banca Mondiale e delle Ong su Blog4Change che invito vivamente i lettori a leggere perché permette di capire le logiche delle Ong e gli investitori istituzionali. Per Silvia Fontana – Global Peace Index Ambassador ed ECHO-Coordinator in conflict zones, una vita ‘sul campo’ ed ora atterrata a COOPI, dati alla mano di molte ricerche consolidate: “Investire nell’educazione e nella leadership femminile non deve essere una cosa (solo) giusta ma è soprattutto un investimento sensato in termini di risultato atteso (cfr. business-oriented decision).

Risultati sul campo dimostrano infatti che investire nelle donne e nelle adolescenti ha un impatto importante sulla comunità nel suo insieme. Questo per il ruolo della donna nella comunità e nella famiglia, essendo la prima responsabile, per esempio, dell’educazione e dell’alimentazione dei figli, futuri membri delle stesse comunità (economic and social multiplier effect)”. Investire sull’istruzione femminile è veramente una questione di vita o di morte, come ci spiega Filippo Ungaro, Resp. Comunicazione di Save The Children Italia, tra le organizzazioni internazionali più efficacemente impegnate sul tema:

“L’istruzione femminile cambia il futuro delle donne e delle nazioni. L’educazione di bambine e ragazze contribuisce a ridurre i matrimoni precoci, la mortalità materna e infantile. Una bambina istruita sarà una bambina più sana e, a sua volta, una futura mamma più consapevole delle opportunità che deve dare a un figlio.  Non dobbiamo dimenticare che la discriminazione persiste in molte aree del nostro pianeta e a esserne vittime sono soprattutto le ragazze adolescenti più povere. In Afghanistan, ad esempio completa l’educazione primaria solo il 4% delle bambine in contesti familiari di povertà. La violenza di genere e le gravidanze precoci non solo contribuiscono a innalzare il tasso di mortalità materna e infantile, ma limitano anche le opportunità di apprendimento delle ragazze. In Sierra Leone, uno dei Paesi con il più alto tasso di morti materne, le ragazze adolescenti costituiscono il 40% di questi decessi.

Aumentando il tasso di istruzione femminile”-conclude Ungaro- “si diminuisce quindi anche la mortalità infantile e si aumenta il benessere delle mamme, dei loro figli e in ultima istanza di un intero Paese.” Infine, un tema fondamentale riguarda la collaborazione con gli attori locali non governativi. Silvia Fontana riporta i dati emergenti da una prima analisi sulle modalità di implementazione della Strategia Educativa di Banca Mondiale (si veda: Education Strategy 2020: Learning for All) , in cui appare chiaro che la collaborazione con stakeholder locali e la società civile risulta uno dei meccanismi utili per un impatto di lungo periodo dei progetti educativi.

Sui temi dell’istruzione si stanno concentrando sempre più una pluralità di attori, istituzionali e governativi e non. Alcuni sono ‘mega progetti’, centrati prevalentemente sull’istruzione a distanza, capitanati da Microsoft e Google, quali Microsoft4Afrika, Google for Education.  A mio avviso altrettanto importanti, perché ricchi di presenza umana e presidio del territorio (fisico, mentale e culturale), sono gli interventi dei tanti ‘maestri di strada’ da quelli di Napoli a quelli in Afghanistan.

La storia di uno di loro, afghano, a me piaciuta molto, ce la racconta Massimo Gramellini sulla Stampa in uno dei sui imperdibili Buongiorno: “Si chiama Saber Hosseini e durante la settimana fa il maestro a Bamiyan, in una scuola di città. Il sabato e la domenica inforca la bici e pedala per le mulattiere di un Paese in guerra fino ai villaggi non lambiti dall’istruzione, per insegnarvi a leggere e scrivere. Nella cesta del suo bolide infila una mestolata di libri: poeti locali, ma anche traduzioni del «Piccolo Principe» e del «Richiamo della foresta». La volta successiva ritira quelli già letti e ne consegna degli altri. Un portatore sano di immaginazione”. Dalla Banca Mondiale a Save the Children, da Microsoft e Google ai Maestri di Strada, da Michelle Obama a Saber Hosseini: perché con l’istruzione si cambi il mondo c’è bisogno davvero di tutti.

www.socialchangeschool.org Link utili di approfondimento: blog4change,
Per scrivermi: m.crescenzi@socialchangeschool.org – con riferimento al titolo del post.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fortuna Loffredo, Augias e i boccoli da sedicenne

next
Articolo Successivo

Dee di Vita con il turbante e il make up di Clio. Perché ricominciare a piacersi dopo la chemioterapia si può

next