Nuovo allarme a Genova dove dalle 19 del 2 maggio i Vigili del fuoco sono impegnati per lo sversamento di una sostanza infiammabile nel torrente Polcevera. La zona interessata è quella di San Quirico, a circa 1 Km dal luogo dello sversamento di greggio del 17 aprile scorso. L’area è stata cosparsa di schiumogeno. Al momento non è stata individuata la provenienza né il tipo di sostanza, ma secondo alcune fonti si tratta sicuramente di un idrocarburo. I vigili del fuoco hanno creato un invaso stendendo a valle delle panne assorbenti e hanno buttato la schiuma, poi si procederà ad aspirare la sostanza. 

Intanto nelle scorse ore è arrivata la notizia che il sostituto procuratore di Genova Walter Cotugno ha indagato tre persone, oltre al direttore della Iplom Vincenzo Columbo, nell’ambito dell’inchiesta sullo sversamento del 17 aprile a causa della rottura di un tubo dell’oleodotto, portando a quattro gli iscritti nel registro degli indagati. Si tratta di un responsabile della manutenzione, di un direttore tecnico responsabile dell’impianto e di un consulente esterno. I primi due, come Columbo, sono accusati di disastro ambientale colposo, mentre il terzo di falso per non avere comunicato alla capitaneria di porto e ai vigili del fuoco che vi erano oltre 20 punti critici nelle condutture a rischio rottura, scrivendo al contrario che era tutto a posto. Le nuove iscrizioni dei due responsabili della manutenzione sono “un atto tecnico” spiegano dalla procura, visto che oggi è stato dato l’incarico all’ingegnere Sandro Osvaldella di esaminare e analizzare il segmento della tubatura e accertare le cause del disastro.

L’amministratore delegato di Iplom Giorgio Profumo, in un’intervista al Secolo XIX ha detto: “Un errore di valutazione c’è stato. Siamo pronti a accettare il processo ma riteniamo di essere negli standard di sicurezza del settore. Siamo consci di essere un’azienda a rischio ma sappiamo gestire il rischio, prevenire gli incidenti, porvi rimedio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mobilità sostenibile, meno auto farebbero bene a tutti

next
Articolo Successivo

Pellicce, facciamo cessare il massacro dei visoni!

next