Più del 50% delle cooperative ispezionate dal ministero del Lavoro nel primo trimestre dell’anno, 470 su 934, sono risultate irregolari. Dai controlli è risultato in particolare che 3.768 lavoratori non erano in regola, perché per esempio erano pagati meno dei minimi retributivi previsti dal contratto di categoria. Tra loro 399 operavano del tutto in nero. Con la conseguenza che quelle coop pagavano il personale meno di quelle che agivano a norma di legge, alterando la concorrenza sul mercato. Le diffide accertative, cioè i provvedimenti finalizzati al recupero immediato della retribuzione dei dipendenti sottopagati, sono state 1.160 contro le 695 del 2015, quando le ispezioni erano state 905.

Secondo il ministero ai risultati ha contribuito il lavoro svolto dagli Osservatori sulla cooperazione, a cui oltre a ministero del lavoro e dello sviluppo economico partecipano anche rappresentanti di Agci, Confcooperative, Legacoop, Cgil, Cisl e Uil.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo Sopaf, pm chiede 6 anni per l’ex presidente della Cassa dei ragionieri Paolo Saltarelli

prev
Articolo Successivo

Alitalia-Etihad verso acquisizione del 49% di Air Malta. Il numero uno Ball: “Non pregiudicherà ritorno all’utile nel 2017”

next