“E’ gravissimo che alcune istituzioni invitino la gente a non andare a votare in un paese dove poi si fa la lagna ipocrita contro la disaffezione e l’astensionismo”. Così il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio a Otto e mezzo (La7) dopo che l’ex presidente della repubblica Giorgio Napolitano, in riferimento al prossimo quesito referendario sulle trivelle, in un’intervista a Repubblica ha detto di trovare “persuasivi gli argomenti sull’inconsistenza di questa iniziativa referendaria” – dando ragione al presidente del consiglio Renzi. “Invitare all’astensione è un reato” – continua Travaglio – “Del resto Napolitano contraddice se stesso: per i referendum del giugno 2011 esaltava il dovere della partecipazione”. Diversa la posizione del candidato sindaco per il partito democratico Roberto Giachetti, ospite insieme al giornalista Mario Sechi, in cui dichiara che andrà a votare ma legittimando l’astensionismo, mentre l’ex direttore del Tempo, avallando la posizione del presidente Renzi si asterrà. Prende posizione la conduttrice Lilli Gruber: “In ogni caso invitiamo tutti i telespettatori ad andare a votare, meglio partecipare che astenersi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Santanchè-Sallusti, Gruber al giornalista: “E’ vero che tra voi è finita?”. Lui piccato: “A casa tua va tutto bene?”

prev
Articolo Successivo

Trivelle, Emiliano su Renzi e Napolitano: “Indurre all’astensione è reato”. Poi lo scontro con Bellasio (Sole 24 Ore)

next