Jacqueline Galant, ministra belga dei trasporti, si è dimessa dopo la denuncia delle autorità dell’Unione Europea sui “gravi lacune” nella sicurezza degli aeroporti del Paese, a cominciare dallo scalo di Bruxelles, obiettivo dell’attacco del 22 marzo. La Galant ha rimesso il suo mandato nelle mani del premier Charles Michel, che ha accolto le dimissioni, ha riferito l’agenzia di stampa Belga.

In un rapporto confidenziale del 2015 dell’esecutivo europeo, reso pubblico due giorni fa dai Verdi, si rileva come gli aeroporti belgi “non rispettino” gli standard nel settore della sicurezza ed in alcuni casi sono state notate mancanze gravi.

Ieri, un portavoce della Commissione Ue, Jakub Adamowicz, ha spiegato che l’esecutivo conduce ispezioni negli aeroporti di tutti i Paesi, con una media di 35 controlli all’anno. Il ministro, in una prima difesa, ha detto che non era a conoscenza del rapporto di Bruxelles e ha negato di aver ricevuto qualsiasi “richiesta formale” di rafforzare i team ispettivi agli aeroporti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Panama Papers, si dimette il ministro dell’Industria spagnolo: Jose Manuel Soria

prev
Articolo Successivo

Migranti, Oim: “Quasi 6mila sbarchi in 3 giorni”. Renzi: “Nessuna invasione”. E avverte l’Austria sul Brennero

next