Il caldo è arrivato, anche sulle strade. Le gomme invernali, dunque, non sono più efficaci nel garantire la sicurezza: a temperature elevate, quelle estive sono da preferire visto che garantiscono spazi di frenata inferiori del 20%. Un numero che, spesso, può salvare la vita.

Le ordinanze in tema di circolazione parlano chiaro, in proposito: dal 15 aprile in poi è possibile sostituire il treno di gomme invernali con quelle estive. Dunque, come si fa il cambio di stagione per gli abiti, è tempo di farlo anche per le “scarpe” della nostra auto. Altrimenti potrebbero soffrire il caldo, esattamente come noi.

Con temperature al di sotto di sette gradi, infatti, le invernali rendono al meglio, ma sopra i venti gradi la loro mescola più morbida tende a deteriorarsi ed aumentare la resistenza al rotolamento. Il che fa lievitare i consumi di carburante oltre che, come detto, gli spazi di arresto.

Attenzione però, il montaggio delle gomme estive non è un obbligo. Come invece lo è quello delle invernali in alcune zone italiane (dal 15 ottobre al 15 novembre). Il codice della strada, per il periodo che va dal 16 aprile al 14 ottobre, stabilisce solo che devono essere rispettati il codice di velocità (con indicata quella massima sostenibile), la misura e l’indice di carico. Tutte informazioni che si trovano nel libretto di circolazione della nostra automobile.

In questi casi, tuttavia, dovrebbe vigere il buon senso. Come spiega Fabio Bartolotti, direttore di Assogomma, “è sempre bene circolare con pneumatici idonei per il periodo stagionale di riferimento. Così si circola più sicuri e si ottimizzano i consumi di carburante e dei pneumatici stessi. Adesso è arrivato il momento di ripristinare il treno di gomme estive.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrari, il grande gioco della successione Felisa lascia, Marchionne è in pole

prev
Articolo Successivo

John Elkann: ma quali nuove tecnologie, meglio un bel matrimonio all’antica

next