David Cameron resign”, dimettiti. E ancora: “Chiudi i paradisi fiscali“. Sono in migliaia – inclusa la cantante pop Lily Allen – a scandire gli slogan davanti alla residenza del premier britannico e tanti dei manifestanti indossano un cappello panama. Tutti arrivati al 10 di Downing Street per chiedere al primo ministro di lasciare la guida del governo dopo la diffusione dei Panama Papers – inchiesta giornalistica internazionale del consorzio Icji di cui fa parte l’Espresso – dai quali è emerso che il padre Ian Cameron, morto nel 2010, mise in piedi nel 1980 un fondo offshore, il Blairmore Investment Trust registrato alle Bahamas.

Una bufera mediatica che è presto diventata politica, tanto che il primo ministro, parlando al forum del Partito conservatore a Londra, ha fatto autocritica. “Non è stata una grande settimana – ha detto -. So che avrei dovuto gestire questa cosa meglio, avrei potuto gestirla meglio. So che ci sono lezioni da imparare e io le imparerò. E non date la colpa all’ufficio del 10 Downing Street, o consiglieri senza nome. La colpa è mia”. Il premier ha poi confermato che intende rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi “non solo quelle di quest’anno ma anche per gli anni passati perché intendo essere completamente aperto e trasparente“.

A organizzare la protesta diverse organizzazioni fra cui la cosiddetta Assemblea del popolo, composta da partiti di sinistra e sindacati per combattere contro le misure di austerità. I media mostrano foto della folla di manifestanti a Whitehall, fuori dai cancelli che chiudono Downing Street, con cartelli e striscioni con gli slogan “He’s Got to Go” (Se ne deve andare), “Defy Tory Rule” (Sfida il potere conservatore). Alcuni manifestanti indossano maschere da maiale e ostentano cartelli con foto di Cameron con il naso ritoccato con quello di un suino e la scritta “Greedy Pig” (Ingordo). Riferimenti che rimandano a un altro scandalo, quello del “piggate”: nella biografia non autorizzata “Call me Dave”, scritta dal miliardario Michael Ashcroft, si racconta che Cameron negli anni universitari infilò il suo membro nella bocca di un maiale morto.

Giovedì Cameron ha rivelato che lui e la moglie Samantha avevano delle quote per un valore di oltre 30mila sterline nel fondo del padre, quote che poi hanno venduto prima che lui diventasse premier. Il segretario di Assemblea del popolo, Sam Fairbairn, ha accusato Cameron e i conservatori di formare un “governo di ricchi” e di essere impantanato in diverse crisi, da quella per i problemi nel settore siderurgico nel Regno Unito agli scioperi dei medici.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, scontro Italia-Egitto su tabulati telefonici. Nuova rogatoria dei pm Roma. Il Cairo: “Non li daremo mai”

next
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles, Abrini confessa: “Sono l’uomo con il cappello”. Media: “Si cerca sacca con esplosivo”

next