Presidio a Roma, in piazza San Silvestro, degli ambientalisti contro le trivelle. Rappresentanti di Legambiente, Wwf e Mare Vivo hanno tentato di raggiungere la sede del Pd in largo del Nazareno ma sono stati bloccati dalla polizia. Dopo qualche momento di contrattazione, hanno rinunciato al proposito di arrivare davanti alla sede del partito e sono tornati in piazza. Solo a due rappresentanti è stato possibile l’accesso e la consegna di una lettera indirizzata al premier Renzi con la quale chiedono un confronto. “Abbiamo ritenuto doveroso – spiegano- scrivere al segretario del Pd per dirgli che siamo sconcertati dall’invito all’astensione per il referendum del 17 aprile, perché pensiamo che gli istituti democratici vadano rispettati e promossi”. “Meglio una lettera consegnata che una telefonata intercettata“, hanno poi intonato ironicamente i manifestanti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, 12 artisti con Greenpeace per il Sì al referendum: Pelù, Noemi, Santamaria, Germano, Insinna…

next
Articolo Successivo

Basilicata, il sindaco di Pisticci: “Noi lucani sommersi da rifiuti pericolosi”

next