Entra nel vivo la campagna elettorale per il Comune di Roma, con la spaccatura del centrodestra che aggiunge confusione al quadro d’insieme. Parlando con i cittadini in strada si avvertono una forte ondata di malcontento e una grande voglia di discontinuità che, al netto della prevedibile astensione di massa, potrebbero favorire il M5s. “Per ora è avanti, ma nei prossimi due mesi le cose possono cambiare”, dichiara un elettore del Pd. La divisione del centrodestra ad alcuni appare “un suicidio politico“, ad altri “una manovra per la conquista della leadership nazionale“. Ad altri ancora “una messinscena”. Ma c’è anche chi ritiene che a questo giro la corsa sia a perdere: “Chiunque vinca si brucia, perché la città è ingovernabile“. E voi come la pensate? In vista delle elezioni politiche, per le forze politiche sarebbe quasi meglio non vincere?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Mauro Episcopo)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bruxelles, la paura degli italiani. A rischio dopo gli attentati in Belgio? Vox di Piero Ricca

prev
Articolo Successivo

Renzi e la riforma Costituzionale, sarà referendum o plebiscito? Vox e sondaggio

next