Recentemente, a causa di alcuni problemi di salute di mia figlia Diletta , ho preso atto che anche eseguire una banale ecografia può essere inaccessibile. Le difficoltà nella collaborazione, i limiti fisici che oggettivamente inibiscono, riducono e comprimono le possibilità di Diletta di essere trasferita dalla sedia a rotelle al lettino visite ; lo stesso spostamento presso strutture pubbliche che le incutono ansia e timore . Una serie di ostacoli che mi hanno spinta a cercare anche questa volta una valida alternativa su misura per lei. La necessità era quella di eseguire un’ ecografia. Mi spingo verso centro di esami diagnostici a domicilio ma trovo una totale diffidenza rispetto la situazione clinica che descrivo.

disabili 675
A seguito di un lunghissimo giro di telefonate con la sensazione di essere oggetto di uno scarica barile di quelli che purtroppo ormai riconosco a distanza , mi imbatto in un centro che mi chiede la cifra di 250 euro e precisa che il medico non ha competenze specifiche. Esasperata da tutto questo giro infinito, scrivo un post sulla mia pagina Facebook sfogando tutta la mia frustrazione. È così che scopro i servizi di Iris Italia a Roma.  Una persona tra le mie amicizie virtuali, si offre di mettermi in contatto con un medico esperto ad un costo assolutamente corretto , in linea con le esigenze di qualsiasi paziente.  Tiro un bel respiro di sollievo e attendo con fiducia il momento dell’appuntamento. Arriva il medico e mi spiazza. Una persona professionalmente validissima, con un modo di fare, di porsi e di comunicare perfettamente adattato alle esigenze del nucleo che si è trovato dinanzi. Diletta così ha potuto avere il suo esame, lo ha eseguito con serenità e di conseguenza ha collaborato al massimo delle sue possibilità. Tanta la mia soddisfazione che ho pensato a quante persone possono avere una simile necessità senza riuscire a trovare riscontro. Servizi di questo tipo dovrebbero essere diffusi, promossi e raccontati.

Per questo ne parlo qui: visitando il sito qualcuno potrà trovare uno spunto, qualcun altro un’informazione utile , ma certamente tutti potranno avere una piccola testimonianza che nonostante il male globale faccia la parte del padrone , esistono ambiti di cura seria e meticolosa gestiti da persone che portano avanti una missione con la serietà che dovrebbe essere un comune denominatore ma che di fatto, spesso non lo è. Per un genitore che vive nel perenne tentativo di rendere il meno faticosa possibile la vita del proprio figlio, poter contare su servizi come questo è essenziale.

Ben vengano esempi di questi tipo, e ben venga tutto ciò che possa renderli fruibili da più persone possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enrico Conti (Pd), una petizione per chiedere le dimissioni di chi vuole ‘tagliare qualche testa islamica’

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, 3 su 4 temono attentati e 2 su 3 si sentono in guerra con l’Islam. Il 7% ha annullato le vacanze di Pasqua

next