L’imprenditore Gabriele Volpi, proprietario della Pro Recco di pallanuoto e dello Spezia calcio nonché socio al 5% di Banca Carige, è indagato per contrabbando insieme al socio Gian Angelo Perucci. Sono accusati di aver acquistato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti rispettivamente un Falcon del valore di 30 milioni e un Gulfstream aerospace da 40 milioni senza pagare l’Iva, che ammonta in totale a quasi 9 milioni. In seguito li hanno intestati a società con sede in Danimarca che formalmente svolgevano attività di chartering. Ma secondo gli inquirenti venivano usati in modo esclusivo dal petroliere di Recco con affari in Nigeria e dal socio. Per questo la Guardia di Finanza ha sequestrato entrambi i velivoli.

L’indagine che ha fatto scattare il provvedimento è condotta dal nucleo di polizia tributaria della Gdf. La contestazione a Volpi è molto simile a quella mossa a Flavio Briatore per lo yacht Force Blue. Per quella vicenda Briatore, che di Volpi è amico, lo scorso anno è stato condannato in primo grado.

Volpi è arrivato a controllare il 5% della banca genovese l’anno scorso, dopo che la Fondazione Carige ha ceduto il 10,5 per cento delle quote dell’istituto al gruppo Malacalza.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meridiana, gli esuberi scendono da 902 a 514 ma non c’è ancora accordo con i sindacati

prev
Articolo Successivo

Eni, Standard & Poor’s taglia il rating a BBB+: “Saipem non basta, effetti negativi dal calo del prezzo del petrolio”

next