È uscito il libro collettivo Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista: perUnaltracittà 2004-2014, a cura di Ilaria Agostini (Aión, Firenze, 2016, pp. 160). Il libro sarà presentato da Paolo Berdini in dialogo con il Gruppo urbanistica perUnaltracittà, venerdì 15 aprile, presso la Libreria Nardini alle Murate, via delle Vecchie Carceri, Firenze, ore 17,30. Riportiamo alcuni passi dall’introduzione della curatrice.

firenze

L’urbanistica neoliberista provoca resistenza popolare. Alla rappresentazione ufficiale delle politiche urbane si contrappone il racconto corale e antagonista di cittadine e cittadini, comitati ed esperti critici, uniti a Firenze nel “Gruppo Urbanistica” che ha fornito il sostegno tecnico alla lista di cittadinanza “perUnaltracittà”, per due legislature all’opposizione in Consiglio comunale.

Due legislature. 2004-2014, anni in cui, a livello planetario, si accresce per poi deflagrare, la “bolla” edilizia, mentre, per l’intero decennio, Firenze è il banco di prova per il grande cantiere politico nazionale. Matteo Renzi, presidente della Provincia, poi sindaco dal 2009, infine “sindaco d’Italia” dal 2014, mette in atto nella città toscana le politiche che estenderà dalla scala urbana all’intero paese: concentrazione del potere e svilimento del ruolo degli organi collegiali, velocità decisionale e forzatura delle norme, propaganda in luogo della pianificazione, obliterazione del dato sociale in nome del nuovo, del brand e dello smart. E apologia della tabula rasa.

Gli autori dei saggi contenuti nel libro sono, oltre che narratori, protagonisti di quella decennale sperimentazione di ipotesi teoriche ed operative che abbiamo definito “urbanistica resistente”: un complesso di azioni animate dalla riflessione critica sull’involuzione neocapitalista della città e sullo smantellamento in atto delle basi stesse della civiltà urbana. Il libro registra i modi della resistenza vissuta e delinea quelli futuri, raccoglie i risultati di una ricerca-azione di durata decennale che ha favorito e messo a frutto pratiche sperimentali per immaginare un’altra città.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Love bombing’ e ‘Pigmalione’: il teatro a Napoli va a due velocità

prev
Articolo Successivo

Libri Liberi, a Bologna la prima libreria dove i testi non si comprano ma sono gratis. “Così la cultura circola” (Fotogallery)

next