Una delle cose belle in programma in questi giorni, su argomenti scientifici e divulgazione della fisica, è lo spazio prezioso che è stato allestito nella chiesa sconsacrata di San Mattia, a Bologna. Si tratta della mostra su Enrico Fermi, che chiuderà il 22 maggio (è in via Sant’Isaia). È aperta tutti i giorni tranne il lunedì, ore 10-18, ingresso gratuito; è interattiva, è veramente interessante. Si chiama “Una duplice genialità tra teorie ed esperimenti”, e gli strumenti che la raccontano sono tantissimi.

mostra-fermi-300x286

Parla dell’Italia, dell’Europa, dell’entusiasmo della gioventù, del genio di Enrico Fermi – e i Ragazzi di via Panisperna. Enrico Fermi che a 25 anni coprì la prima cattedra di fisica teorica, e vinse il Nobel nel 1938, non certo un anno facile. Nella mostra c’è tutto: c’è la lungimiranza dei padri che seppero ascoltare il gruppo di giovani, negli anni precedenti la tragedia, e prima ancora l’infamia delle leggi razziali e della guerra. E c’è la fisica.

Una fisica raccontata con rigore e meraviglia, grazie a postazioni audiovisive che il visitatore può interpellare e ascoltare. E poi ancora, filmati d’epoca e la testimonianza della moglie di Fermi, Laura. C’è la scrivania di Fermi, e c’è anche un suo inedito, il Quaderno di Avellino, del 1934, fitto di formule e appunti. E poi fotografie, grafici, oggetti. Tutto è utile per ricostruire la figura di Enrico Fermi, che a gennaio 1939 arrivò a New York con la famiglia, e da allora -come un paradosso – è forse più conosciuto all’estero che in Italia. Tutto contribuisce a rendere un’ora in giro per la mostra un vero spasso, e un’ora, almeno, di interesse totale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tumori, sucralosio “potrebbe aumentare il rischio di ammalarsi di leucemia”

next
Articolo Successivo

Alzheimer, “possibile recuperare i ricordi perduti nelle fasi iniziali”. Primi test positivi nei topi

next