Che sia naturale o artificiale la dolcezza fa male. Dopo lo studio Usa che stigmatizza l’uso di zuccheri perché aumenterebbe il rischio di tumore al seno, arriva una ricerca che mette in guardia sul sucralosio, dolcificante artificiale venduto come alternativa sana e naturale proprio allo zucchero.

Questo dolcificante sembrerebbe aumentare il rischio di ammalarsi di leucemia secondo la conclusione di un nuovo studio dell’Istituto Ramazzini di Bologna, pubblicato sull’International Journal of Occupational and Environmental Health. Il sucralosio è 600 volte più dolce del saccarosio ed è usato in circa 4500 prodotti.

Nella ricerca il dolcificante è stato somministrato in diverse quantità a 457 topi maschi e 396 topi femmina, a partire dall’epoca fetale e poi per tutta la vita: è stato così riscontrato un significativo aumento dei tumori delle cellule ematopoietiche, leucemia inclusa, nei topi maschi. Secondo lo studio il sucralosio non è quindi “biologicamente inerte e servono più studi per dimostrarne la sicurezza”.

L’azienda produttrice del dolcificante (noto in Europa come E955) ha però rigettato le accuse, sottolineando come diverse agenzie che si occupano di cibo e salute, come l’Fda, l’Oms e l’Ema, abbiano confermato la sicurezza del prodotto, che non causa tumore, “e che altri studi dell’Istituto Ramazzini sono stati giudicati inattendibili perché non seguono gli standard internazionali di valutazione”.

Approvato per il consumo in Europa nel 2002, il sucralosio è stato sottoposto ad una nuova revisione nel 2011 dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, che ha definito accettabile per un adulto una quantità giornaliera di 15 milligrammi per chilo di peso corporeo.

L’abstract dello studio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

ExoMars, completato distacco dell’ultimo stadio del razzo russo. Inizia viaggio verso Marte. “Siamo soli nell’universo?”

prev
Articolo Successivo

Fisica, la Mostra su Enrico Fermi è un vero spasso

next