Non solo Napoli, l’impresa riconducibile ai fratelli Pellini, imprenditori condannati per traffico illecito di rifiuti, vince appalti ovunque. Il caso esplode a fine febbraio quando l’azienda Atr srl di Acerra si aggiudica la gara, indetta dal Comune di Napoli per lo smaltimento e la bonifica dell’amianto. Il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice ha rassicurato i comitati che avevano protestato: “L’aggiudicazione è con riserva, abbiamo stoppato tutto”.

Dopo gli articoli l’Autorità nazionale anticorruzione ha avviato un’attività di vigilanza coinvolgendo la sezione anticorruzione della Guardia di Finanza. L’obiettivo è capire il ruolo svolto e il peso del soggetto condannato all’interno dell’impresa. L’impresa risulta nell’albo gestori e non c’è alcuna legge perché venga esclusa dalle gare. Tra i proprietari dell’azienda, socio al 20%, figura Giovanni Pellini, condannato in secondo grado per traffico illecito di rifiuti e disastro ambientale a 7 anni di reclusione. Giovanni Pellini, insieme ai fratelli Cuono e Salvatore, quest’ultimo ex maresciallo dei carabinieri, sono accusati di aver provocato un disastro ambientale nel territorio di Acerra, in provincia di Napoli, movimentando e scaricando illegalmente tonnellate di pattume di ogni genere.

Ma proprio in questi giorni l’Atr sbarca anche a Bari dove il Comune ha aggiudicato lavori per 3 milioni di euro. L’impresa dei Pellini si deve occupare del trasporto e dello smaltimento di manufatti in cemento amianto tipo eternit nelle scuole. Si tratta di un contratto tipo accordo quadro che prevede la sostituzione dei manufatti con strutture di materiale diverso. L’importo dei lavori ammonta a 150mila euro. L’assessore ai lavori pubblici del comune di Bari Giuseppe Galasso spiega: “La società si è aggiudicata una gara aperta nella quale hanno concorso una ventina di imprese. Tutto è stato fatto rispettando la legge. Siamo al paradosso di una normativa che eccede in formalismi, ma consente casi del genere”.

La sentenza di secondo grado a carico dei Pellini è arrivata lo scorso anno, ma loro continuano tranquillamente a lavorare, in attesa della Cassazione. L’Atr fa incetta di lavori anche con altri enti. Nell’ottobre 2014, in quel caso la condanna era di primo grado, l’azienda dei Pellini si è aggiudicata un appalto con il Ministero della difesa, aeronautica militare, per la rimozione di cassoni e canne fumarie. Nel 2015, invece, la professionalità della ditta acerrana è stata messa a disposizione dell’Arpa Basilicata per la manutenzione della rete piezometrica in Val Basento. Anche in questo ultimo caso tutto secondo legge. L’Atr, insomma, è azienda leader nel settore nonostante la condanna di secondo grado per il suo socio Giovanni Pellini. I giudici d’appello negando le attenuanti generiche hanno descritto così l’attività dei Pellini: “La condotta si connota di particolare gravità, tenuto conto della professionalità serbata nell’azione criminosa e del grave allarme sociale che promana dal fatto”.

twitter @nellotro

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecoballe, il sindaco di Brescia scrive a A2a: “Qui non le vogliamo”

next
Articolo Successivo

Abruzzo, i fiumi “malati” di salmonella. E l’azienda che dovrebbe vigilare è stata sanzionata per scarichi inquinanti

next