Accanto alle novità di prodotto, sullo stand Fiat a Ginevra c’è anche spazio per una showcar molto particolare: la Kung Fu Panda. La vettura sarà battuta all’asta e i proventi devoluti alla Conservation International, associazione che si occupa di preservare l’habitat naturale dei panda. L’idea nasce anche per accompagnare il debutto nelle sale cinematografiche del terzo episodio del film di animazione della Dreamworks.

Gli interni dell’auto sono reinterpretati da Alcantara, che ha personalizzato i sedili alternando al bianco della seduta centrale il nero dei fianchi, alternanza che si ritrova anche nel volante. C’è poi il nero del pomello del cambio in contrasto col bianco dei pannelli portiera. L’ispirazione? Ovviamente, la “livrea” del protagonista Po.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lexus, c’è ibrido e ibrido

next
Articolo Successivo

Fiat Chrysler e Peugeot Citroen, unione civile alla francese?

next