California, nord di San Diego. Carlsbad è un villaggio di lusso dove prendono forma i sogni di tante coppie gay di tutto il mondo. Qui, infatti, ha sede la Extraordinary Conceptions, un’agenzia di surrogazione dove s’incontrano persone che non possono avere figli, donatrici di ovulo e mamme surrogate. “Le mamme devono capire che il dna non è loro e mantenere una disconnessione emotiva con i genitori programmati” spiega una psicologa del centro alle telecamere di Servizio Pubblico-Announo nel reportage andato in onda nell’ultima edizione del programma, che segue passo passo ogni momento della maternità. Alle critiche di chi attacca la surrogazione rispondono Candice e Melissa, ex donatrice ed ex madre surrogata: “Ci hanno fatto un sacco di controlli, anche psicologici. Non è figlio tuo, tu aiuti solo gli altri a completare la loro famiglia. Non si fa per denaro, anche se ogni madre surrogata è pagata fra i 25 e i 50 mila dollari”. Il costo complessivo dell’operazione, come racconta Stephanie Caballero direttrice del surrogacy law center, è alto: “L’intero processo di surrogazione costa fino a 150 mila dollari. È un lavoro, ma lo facciamo con cura e amore. A chi dice che facciamo eugenetica rispondo: ‘ognuno quando vuole fare un figlio sceglie qualcuno che gli piaccia’”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, mafia: padre dell’agente ucciso Agostino riconosce in Aula “faccia da mostro”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Nancy (mamma surrogata): “Ho partorito per una coppia gay italiana. L’avrei fatto anche gratis”

next