Due persone sono state fermate nella notte con l’accusa di essere i killer che sabato 27 febbraio alla periferia di Taranto hanno freddato un uomo, sparando in mezzo ai passanti e ferendone lievemente due.

La vittima, Giuseppe Axo, 32 anni, pregiudicato, è morto poco dopo in ospedale. E’ stato colpito con cinque proiettili sparati con una mitraglietta Skorpion alla schiena e alle gambe in via Lago di Montepulciano, al rione Salinella. Mentre migliorano le condizioni dei due feriti: Leonzio Fontana, di 40 anni, e Tiziano Galileo, di 43, anche loro con precedenti penali. Il primo è stato giudicato guaribile in pochi giorni, il secondo è stato operato e per lui la prognosi è di 40 giorni. Immediate sono scattate le indagini della Squadra Mobile che, proseguite fino a notte fonda, hanno portato al fermo dei presunti autori del delitto. Si tratta di due fratelli, Antonio e Francesco Bruno, di 34 e 30 anni, con piccoli precedenti penali alle spalle, accusati di concorso in omicidio premeditato, tentato omicidio, detenzione e porto di arma da guerra e ricettazione aggravata.

I due sospettati sono stati interrogati a lungo in Questura dal procuratore aggiunto Pietro Argentino e dal pubblico ministero Maurizio Carbone. All’origine dell’omicidio ci sarebbero vecchi rancori tra i due fratelli e Axo. I primi screzi tra i presunti assassini e la vittima sarebbero cominciati una decina di anni fa, mentre il motivo scatenante è individuato dagli inquirenti in un litigio avvenuto nei giorni scorsi tra Axo e Francesco Bruno.

I due, secondo quanto accertato, sono venuti alle mani e ad avere la peggio è stato Bruno, che ha riportato la frattura del setto nasale e altre lesioni al volto. Ieri è scattata la vendetta da parte dei due fratelli che hanno raggiunto Axo in via Lago di Montepulciano a bordo di una Lancia Y. Il 32enne stava discutendo sotto un porticato con Fontana e Galileo. Dall’interno dell’auto Antonio Bruno, secondo la confessione resa agli investigatori, avrebbe esploso una raffica di 15 colpi contro i tre. Axo ha tentato di fuggire ma poi è crollato sull’asfalto. I due fratelli sono fuggiti lasciando l’auto sul luogo dell’agguato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Macchi, pg di Milano chiede la riesumazione dei resti di Lidia

next
Articolo Successivo

Viterbo, anziana trovata morta nel congelatore. Di lei non si avevano notizie da un anno

next