Lo scontro politico-diplomatico tra Grecia e Austria si arricchisce di un altro capitolo. Atene ha rifiutato la visita del ministro dell’Interno austriaco Johanna Mikl-Leitner che aveva chiesto di recarsi nella capitale greca per spiegare la posizione del suo Paese sul tema dell’immigrazione. Lo afferma l’agenzia statale greca Ana-Mpa, citando fonti diplomatiche vicine al governo ellenico per le quali la visita non avverrà fino a quando Vienna continuerà a prendere misure unilaterali.

Ieri il governo Tsipras – fortemente irritato dalla convocazione del vertice Austria-Balcani dal quale è stata estromessa la Grecia – ha richiamato in patria il proprio ambasciatore a Vienna. Atene, riporta l’edizione on line in inglese del quotidiano greco Kathimerini, considera le decisioni dell’Austria nella gestione delle frontiere come “un atto non amichevole” e chiede che “le misure vengano ritirate”.

Il commento di Bruxelles – “La priorità della Commissione europea è evitare che ci sia una crisi umanitaria in Grecia”, ha detto Natasha Bertaud, portavoce della Commissione Ue per l’Immigrazione, nell’incontro odierno tenutosi a Bruxelles con la stampa internazionale. “La autorità greche stimano che ci siano circa 25mila” migranti “attualmente presenti sul loro territorio” a questo si aggiungono “due-tremila nuovi arrivi al giorno” ha precisato Bertaud. Si tratta di “una questione bilaterale” tra i governi dei due Paesi, entrambi membri dell’Unione europea, ha aggiunto la portavoce. “La Commissione lavora per coordinare la risposta europea alla crisi dei rifugiati in uno spirito di solidarietà“.

L’Oim: oltre 111mila migranti sono arrivati in Grecia da inizio anno. Secondo le stime dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni dal 1 gennaio 2016 al 24 febbraio sono giunte in Grecia 111.099 persone, a fronte di 3.952 arrivi su territorio ellenico nei primi due mesi del 2015. L’Oim precisa che da inizio anno ci sono stati 418 migranti morti: 321 sulla rotta tra Turchia e Grecia, 97 nel Mediterraneo centrale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Isis è petalosa?

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, e ora provano anche a diffamarlo

next