“La Rai mi può licenziare, il PD proprio no”. Così il conduttore di Ballarò su Raitre Massimo Giannini ha aperto il programma in risposta alle polemiche sollevate dal Partito democratico e dal consigliere d’amministrazione Rai Anzaldi sulla frase pronunciata dall’ex vicedirettore di Repubblica la scorsa settimana sulla questione Banca Etruria in cui veniva coinvolta il ministro per gli affari costituzionali Maria Elena Boschi e il padre: “La cosa mi indigna – prosegue il giornalista – perché come si dice nel gergo dei tribunali il fatto non sussiste. Quello che sussiste è il paradosso di un palazzo che di fronte ai tanti problemi perde tempo a sollevare bufere di questo genere. E poi quello che sussiste ancora è l’ennesimo attacco a chi cerca di fare informazione, è l’ennesima torsione del concetto di servizio pubblico, utile se serve a chi governa molto più a chi guarda la televisione”. Poi conclude: “Non spetta alla politica decidere i palinsesti e non spetta ai partiti decidere chi deve lavorare in Rai” e cita la frase di Roberto Saviano: “Ciò che sotto Berlusconi era inaccettabile adesso è grammatica del potere. La Rai mi può licenziare. il Pd con tutto il rispetto proprio no”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meloni, Lombardi (M5S): “La gravidanza? Cercava visibilità, io la mia maternità l’ho tenuta riservata”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Svendesi Roma”. I saldi del Comune nella gestione del patrimonio immobiliare

next