“Se ne facciano una ragione: l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi non pare voler mollare la presa nel confronto a distanza con l’Unione Europea. Su facebook il capo del governo scrive che l’Italia è “sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno più mordi e fuggi come in passato, ma hanno deciso di puntare sul nostro Paese, di scommettere sul suo futuro”. Un post pubblicato dopo un incontro a Renzi e Chuck Robbins 2Palazzo Chigi con i vertici di Cisco, la multinazionale dell’informatica, “in occasione dell’annuncio di una serie di investimenti strategici qui da noi che valgono 100 milioni di euro per i prossimi tre anni”.

Cisco è, spiega Renzi, “il primo dei due giganti cui avevo accennato nella mia ultima e-news che guardano all’Italia come a un paese solido, che ha futuro e che, finalmente, favorisce chi vuole creare opportunità destinate a restare, a creare impresa, lavoro, innovazione. E’ importante che questo avvenga sul fronte della digitalizzazione, della formazione, della creazione di start-up innovative, della ricerca. Ma anche della trasformazione digitale di settori di eccellenza della nostra economia come il manifatturiero e l’agroalimentare, entrambi simbolo del Made in Italy e della nostra qualità nel mondo”.

Al contrario delle apparenze, quindi, le ambizioni di Renzi volano basso. Perché, al di là dei proclami, l’investimento promesso da Cisco e strombazzato dall’ex sindaco di Firenze di strategico sembra aver poco: per dare un’idea delle proporzioni e della distanza tra l’annuncio e i numeri reali, 100 milioni di euro in 3 anni sono davvero poca cosa per un colosso che fattura 49 miliardi di dollari l’anno.

Per il presidente del Consiglio tuttavia si tratta della “risposta migliore a chi, forse impaurito da questo nuovo protagonismo italiano preferirebbe averci più deboli e marginali, come purtroppo è spesso accaduto in passato. Se ne facciano una ragione: l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa. Con tanto lavoro ancora da fare”, ma “anche con la consapevolezza che ce la stiamo mettendo tutta e che le grandi realtà internazionali, come oggi testimonia Cisco, tornano a scommettere su di noi“.

L’Italia, sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno…

Posted by Matteo Renzi on Martedì 19 gennaio 2016

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, Zanda all’assemblea Pd: “Esito Aula imprevedibile, partito stia attento. Legge non va stravolta”

next
Articolo Successivo

Lista Forbes 2016, tra i politici under 30 più influenti anche Di Maio, Ascani e Benifei

next