“Se ne facciano una ragione: l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi non pare voler mollare la presa nel confronto a distanza con l’Unione Europea. Su facebook il capo del governo scrive che l’Italia è “sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno più mordi e fuggi come in passato, ma hanno deciso di puntare sul nostro Paese, di scommettere sul suo futuro”. Un post pubblicato dopo un incontro a Renzi e Chuck Robbins 2Palazzo Chigi con i vertici di Cisco, la multinazionale dell’informatica, “in occasione dell’annuncio di una serie di investimenti strategici qui da noi che valgono 100 milioni di euro per i prossimi tre anni”.

Cisco è, spiega Renzi, “il primo dei due giganti cui avevo accennato nella mia ultima e-news che guardano all’Italia come a un paese solido, che ha futuro e che, finalmente, favorisce chi vuole creare opportunità destinate a restare, a creare impresa, lavoro, innovazione. E’ importante che questo avvenga sul fronte della digitalizzazione, della formazione, della creazione di start-up innovative, della ricerca. Ma anche della trasformazione digitale di settori di eccellenza della nostra economia come il manifatturiero e l’agroalimentare, entrambi simbolo del Made in Italy e della nostra qualità nel mondo”.

Al contrario delle apparenze, quindi, le ambizioni di Renzi volano basso. Perché, al di là dei proclami, l’investimento promesso da Cisco e strombazzato dall’ex sindaco di Firenze di strategico sembra aver poco: per dare un’idea delle proporzioni e della distanza tra l’annuncio e i numeri reali, 100 milioni di euro in 3 anni sono davvero poca cosa per un colosso che fattura 49 miliardi di dollari l’anno.

Per il presidente del Consiglio tuttavia si tratta della “risposta migliore a chi, forse impaurito da questo nuovo protagonismo italiano preferirebbe averci più deboli e marginali, come purtroppo è spesso accaduto in passato. Se ne facciano una ragione: l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa. Con tanto lavoro ancora da fare”, ma “anche con la consapevolezza che ce la stiamo mettendo tutta e che le grandi realtà internazionali, come oggi testimonia Cisco, tornano a scommettere su di noi“.

L’Italia, sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno…

Posted by Matteo Renzi on Martedì 19 gennaio 2016

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unioni civili, Zanda all’assemblea Pd: “Esito Aula imprevedibile, partito stia attento. Legge non va stravolta”

prev
Articolo Successivo

Lista Forbes 2016, tra i politici under 30 più influenti anche Di Maio, Ascani e Benifei

next