Il caso outlet-Banca EtruriaRenzi torna sul tavolo del Comune di Reggello (Firenze). “Già allo scorso consiglio comunale avevamo preannunciato la richiesta di una commissione di indagine su The Mall, vediamo se la maggioranza – così come noi – vorrà fare chiarezza su questi fatti ”, ha fatto sapere nei giorni scorsi la Capogruppo della lista civica reggellese Elisa Tozzi. “Le ultime inchieste del Fatto e i nuovi elementi emersi sulla vicenda di Banca Etruria aprono ancora una volta i riflettori sullo sviluppo di The Mall a Reggello. Ogni nuovo elemento getta ombre e dubbi sugli intrecci tra politica e imprenditori vicini alla famiglia Renzi e lo sviluppo del polo della moda reggellese”, aggiunge il consigliere comunale del paese toscano al centro dell’affare The Mall che ha coinvolto anche il padre del premier.

Tozzi sottolinea poi che “prima si è guardato al profitto e poi al resto, a riprova che il peso (anche politico?) degli interlocutori di The Mall con il Comune era tale per cui non si è neppure verificato se ciò che si realizzava era conforme a quanto autorizzato; bastava autorizzare”. Insomma “imprenditori discussi che amano schermarsi dietro società con sede all’estero, faccendieri che lucrano nelle mediazioni e negli affitti, tutti collegati al business degli outlet ed in affari con la famiglia Renzi ... Un intreccio pericoloso, in cui si trovano invischiate anche le amministrazioni locali che si interfacciano con questi soggetti ed il loro peso imprenditoriale e sopratutto politico. I casi Moncler ed Hugo Boss sono eclatanti: permessi rilasciati a tempo record e senza assoggettare a Vas (Valutazione ambientale strategica) nessun intervento. In cambio i Comuni si fanno fare qualche posto auto o asfaltare le strade (quando realizzate). Oppure beneficiano di lasciti monetari per realizzarle, è il caso degli 80mila euro che Tramor ha versato al Comune di Reggello per “pagare” il parcheggio alle scuole di Leccio; un ex sindaco ha pensato invece di farci direttamente degli affari con questi personaggi”.

Da Il Fatto Quotidiano di mercoledì 13 gennaio 2016

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

General Electric, nel biennio 2016-17 taglierà 6500 posti di lavoro in Europa, 236 dei quali in Italia

next
Articolo Successivo

Renault, sindacato: “Perquisizioni in fabbrica per test su emissioni”. Governo rassicura: “Non c’è frode”

next