La doppietta di Ilicic, il gol più l’assist di Paulo Dybala. All’Inter basta molto meno per rispondere al bel gioco e alle ‘triplette’ di Fiorentina e Juventus. Uno spunto di Perisic, un tocco di Mauro Icardi ed ecco il nono 1-0 della stagione. Fanno dodici vittorie in diciotto partite e valgono ancora il primato. Un successo pesante perché respinge gli attacchi di Paulo Sousa e Massimiliano Allegri e dona il sorriso a Roberto Mancini dopo il ko interno contro la Lazio che regalato un finale amaro al 2015.

L’anno è nuovo, ma l’Inter è quella vecchia: cinica e vincente. Oltre che non essere mai la stessa. Anche a Empoli, i nerazzurri scendono in campo con una formazione inedita. Mentre di fronte c’è un undici collaudato e si vede. Giampaolo deve rinunciare a Tonelli ma per il resto l’impianto dei toscani è su per giù lo stesso da inizio stagione, quello che ha permesso di trovarli a sorpresa appena dietro la zona Europa. Ecco perché non c’è da stupirsi se la squadra che produce gioco non è la capolista. Nonostante – complice la squalifica di Felipe Melo – Mancini proponga in mediana Kondogbia e Brozovic accanto a Medel, la manovra nerazzurra è quella di sempre: orizzontale e lenta. Né il francese né il croato hanno la capacità di aprire il gioco con uno, massimo due tocchi. E quando la palla arriva a sugli esterni, Ljajic e Perisic lanciano lunghi e spesso infruttuosi assoli.

Mentre l’Empoli è macchina rodata e disciplinata. Il 4-3-1-2 ‘sarriano’ – modificato da Giampaolo con risultati addirittura migliori dello scorso anno – conosce solo l’attacco in verticale e palla a terra alla ricerca della porta avversaria. E quando Nagatomo e Murillo sono incerti, Maccarone e Pucciarelli, oltre a Zielinski e Buchel, possono pungere davvero. Ma devono fare i conti con Handanovic, fresco di rinnovo ma con la pancia tutt’altro che piena. La differenza è tutta qui: mentre all’Empoli non bastano tre, quattro occasioni per bucare la porta nerazzurra, a Mauro Icardi è sufficiente una bella giocata di Perisic per bruciare Skorupski e mettere la partita sui binari giusti. Accade poco prima dell’intervallo ed è l’episodio che decide la gara.

Anche perché l’Empoli è costretto ad alzare il baricentro e l’Inter ha qualche spazio in più per sfogare il talento dei suoi uomini offensivi. Producendo appena due sventagliate di Brozovic e Kondogbia, ma almeno ha modo di alleggerire la pressione portata dai toscani. Che sono pericolosi a più riprese con Saponara, Zielinski e Pucciarelli (atterrato in area da Murillo, tutto regolare per Celi). Il pressing finale è sterile. L’Inter si difende con ordine. Un tocco di Mauro Icardi è la risposta ai tanti gol di Fiorentina e Juventus. Finché dura, ha ragione Mancini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, risultati e classifica 18° turno: Inter resiste, Viola e Juve volano. Roma frena ancora e il Milan affonda

next
Articolo Successivo

Mihajlovic, Pioli, Garcia, Ballardini, Gasperini: l’Epifania gli allenatori si porta via?

next