Raffaele D’Alessandro, uno dei carabinieri indagati per la morte di Stefano Cucchi, il giovane romano morto dopo una settimana di detenzione, sta litigando con l’ex moglie (leggi). La conversazione, pubblicata in esclusiva da Corriere.it, è intercettata dalla procura di Roma che indaga sul “violentissimo pestaggio” cui sarebbe stato sottoposto il ragazzo dopo il fermo. La discussione degenera e la donna ricorda all’ex marito che ha “raccontato a tutti” le percosse inflitte “a quel drogato di merda

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco, il 2015 è stato un anno difficile

prev
Articolo Successivo

Mamma e figlia morte durante parto a Torino. L’ospedale: “Complicanza rarissima e imprevedibile”

next