L’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha lanciato un allarme su possibili attacchi a Natale contro occidentali nella zona di Sanlitun, uno dei quartieri più frequentati della capitale cinese. In un avviso sul sito dell’ambasciata si sottolinea di aver ricevuto “informazioni di possibili minacce nei giorni di Natale” e si invitano i cittadini americani “a esercitare la vigilanza rafforzata”. All’appello si sono unite anche le sedi diplomatiche di Italia, Francia e Gran Bretagna che hanno chiesto ai concittadini di prestare la massima cautela e attenzione.

Dopo il “warning” partito dall’ambasciata statunitense la polizia di Pechino ha rafforzato i controlli di sicurezza nella zona: decine di poliziotti, alcuni con i fucili, sono stati messi di guardia nell’area che ospita, oltre a numerosi negozi, anche alcune residenze diplomatiche. Le strade che portano alle ambasciate sono state tutte chiuse al traffico. La polizia ha inoltre annunciato di aver emesso un avviso “giallo” di allerta, il secondo grado nella scala di quattro che va dal verde al rosso, per garantire la sicurezza durante il periodo natalizio. Come conseguenza del provvedimento il 60% del personale di sicurezza nei centri commerciali e supermercati effettuerà controlli su soggetti, materiali e veicoli che sembrino sospetti, e tutti i cestini della spazzatura nei luoghi pubblici saranno controllati ogni 30 minuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ruanda, il comportamento dei musulmani durante il genocidio

prev
Articolo Successivo

Cisgiordania, vigilia di Natale di violenza: 4 palestinesi uccisi dall’esercito israeliano

next