renzi grillo 675

Dopo il 32esimo voto in seduta comune, il Parlamento ha eletto i tre nuovi giudici della Corte Costituzionale.
La terna è composta da Augusto Barbera (quota Pd, 581 voti), Franco Modugno (quota M5S, 609 voti e il più votato) e Giulio Prosperetti (quota centrista, 585 voti).

Insomma fiorisce in maniera palese uno dei primi veri accordi politici tra il Pd e il Movimento 5 Stelle. Le domande a questo punto sarebbero molte.
Il tanto odiato e insultato Partito Democratico non è più il nemico pubblico numero uno. Per i grillini ora si può ragionare, dialogare e perché no, ottenere l’elezione di uno suo indicato alla Consulta. Un passo politico molto importante ed emblematico. Se si vuole dialogare e non insultare solamente le cose si possono fare. Questa, per il Movimento 5 Stelle, è una nomina pesante e incisiva.

A questo punto però cadano tutte le preclusioni e i preconcetti contro il Pd e contro ogni persona che ne fa modestamente parte. Perché ora non si può più dire che il Partito Democratico è il diavolo e il Movimento 5 Stelle l’acqua santa. Basta volerlo e le cose importanti per il Paese si possono fare.
Il Pd e il governo Renzi hanno tanti limiti e tante lacune e il Movimento fa bene a sollecitare il governo e ad incalzarlo su varie tematiche. Ma questa apertura appare ragionevole.

Finalmente si toglie ogni pregiudizio ed ogni sponda anche al pregiudicato Berlusconi e alla restante Forza Italia. Finiscano gli insulti e si guardi al concreto. Si acceleri sulle riforme condivise e su quelle che interessano ai cittadini. Tutto il resto sono solo chiacchiere. Quello che è accaduto ieri con l’elezione dei tre giudici con l’accordo tra Pd e Movimento 5Stelle è un fatto storico. Per la prima volta i grillini scelgono la strada dell’accordo e del compromesso politico. Lo fanno in maniera intelligente e vantaggiosa. Si mette da parte il no ad oltranza su tutto. Si fa politica incisiva finalmente. Questo fa bene a tutti e alla democrazia. Dà ossigeno alle istituzioni ed evita la nomina di un giudice scelto da Forza Italia.

Non deve essere mossa nessuna critica al Movimento 5 Stelle, ma anzi un grazie per l’apertura e per la voglia di contribuire a fare qualcosa di concreto ed utile. Si vada avanti su questa strada. Ognuno con le sue idee, ma con la parola fine sui pregiudizi e sui preconcetti contro il Pd e i suoi rappresentanti. Il Pd tanto odiato ora non esiste più.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banca Etruria e conflitti d’interesse: a quando il chiarimento di fronte agli italiani?

next
Articolo Successivo

Consulta, la nomina dei giudici è un’occasione per riflettere

next