Salta la deroga sul nuovo aeroporto di Firenze. I relatori alla legge di Stabilità, infatti, alle 7 del mattino hanno ritirato l’emendamento che puntava ad escludere lo scalo dall’obbligo di Valutazione di impatto ambientale (Via) e dai vincoli urbanistici e paesaggistici. Le opposizioni avevano minacciato di fare ostruzionismo e bloccare i lavori in commissione Bilancio se la richiesta di modifica non fosse stata ritirata. L’accusa era che l’esecutivo volesse favorire l’amico di Renzi e presidente di Toscana Aeroporti Marco Carrai, rendendo più facile e veloce la costruzione del nuovo scalo.

La preoccupazione ora è che il provvedimento possa essere ripresentato in Aula: “Se”, hanno annunciato i deputati di Alternativa libera-Possibile, “il presidente del Consiglio pensa di ripresentare l’emendamento alla Camera, magari in un maxi-emendamento, blindandolo con la fiducia, metta in conto di dover farci portare via di peso dalle emiciclo di palazzo Montecitorio perché combatteremo con tutte le nostre forze per evitare questo scempio”. I deputati del Carroccio condannano il tentativo di “favore di Stato” all’amico del segretario Pd: “La norma con un colpo di penna”, hanno commentato Barbara Saltamartini e Roberto Simonetti, “avrebbe cancellato tutte le procedure di valutazione ambientale, paesaggistica e urbanistica con una semplice ‘autocertificazione’. Abbiamo sventato l’ennesimo ‘favore di Stato’, un affare da centinaia di milioni di euro a favore di chi ha in gestione l’aeroporto: Marco Carrai uno degli uomini più legati a Renzi, al vertice insieme a Lotti e Boschi della fondazione che organizza la Leopolda”.

Intanto festeggia per il blocco dell’emendamento anche Forza Italia: “Dopo una battaglia in commissione durata 4 giorni”, ha dichiarato la deputata Stefania Prestigiacomo, “finalmente il governo ha ritirato l’emendamento che escludeva tutte le strutture aeroportuali italiane dalla valutazione di impatto ambientale solo in palese contrasto con l’Unione europea e le direttive comunitarie che avrebbe sicuramente comportato l’apertura della procedura di infrazione solo per superare alcune difficoltà sorte e i problemi relativi alla via per l’aeroporto di Firenze. Questa battaglia è stata condotta in modo unitario con tutte le opposizioni e finalmente vinta alle 7 del mattino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sorgente sgr, sfumata la quotazione Mainetti si compra la quotata Nova Re

prev
Articolo Successivo

Tetto contanti, Boeri: “Resti obbligo a pagare pensioni oltre mille euro solo via bonifico o aumenteranno le truffe”

next