L’ultimatum era arrivato il 4 dicembre: i tre consiglieri M5s di Livorno avevano a disposizione dieci giorni per difendersi dalle accuse pena l’espulsione dal Movimento. La loro “colpa” era di avere votato contro la maggioranza sull’atto di indirizzo deliberato dalla giunta del sindaco Filippo Nogarin per avviare il percorso di concordato preventivo in continuità di Aamps, la municipalizzata che svolge il servizio di igiene ambientale e raccolta rifiuti a Livorno. Allora erano stati sospesi, ma oggi per Giuseppe Grillotti, Alessandro Mazzacca e Sandra Pecoretti è arrivata l’espulsione.

Pensavo di ricorrere direttamente in Cassazione … Voi che ne dite?

Posted by Giuseppe Grillotti on Lunedì 14 dicembre 2015

Ad annunciarlo su Facebook sono gli stessi Pecoretti e Grillotti, che pubblicano sul social network il testo della mail in cui si comunica l’espulsione a firma dello staff di Beppe Grillo. “Non avendo ricevuto sue controdeduzioni in merito, atte a rivalutare la sua posizione – si legge nel testo della mail pubblicato online -, si conclude il procedimento avviato con la predetta email del 4 dicembre disponendo la sua espulsione dal MoVimento 5 Stelle. Se pensa che questa decisione sia basata su informazioni non corrette può proporre il suo ricorso entro 10 giorni da questa email al Comitato d’Appello“. E ora, per la giunta Nogarin, sarà più complicato proseguire: i consiglieri della maggioranza, dopo l’espulsione dei tre, si fermano a 17, mentre quelli dell’opposizione sono 16. E con un solo uomo in più, arrivare a fine mandato per l’amministrazione M5s sarà più complicato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Ue: “Italia prenda le impronte anche con l’uso della forza. Aperto solo 1 hotspot su 6, Grecia sta facendo di più”

prev
Articolo Successivo

Milano, sparatoria in un bar: ucciso ventiseienne albanese pregiudicato

next