Coniglietti lasciati morire tra urine e feci perché troppo deboli o semplicemente piccoli, e coniglie destinate al macello perché poco produttive o malate. Questa la realtà di allevamenti ultraintensivi di conigli, filmate da infiltrati sotto copertura per un lavoro d’investigazione di Lav e Animal Equality che noi vi mostriamo in esclusiva. L’Italia è il primo produttore europeo di carne di coniglio: secondo Faostat la stima è di 175 milioni di capi prodotti ogni anno, per un consumo di 2,5 chili pro capite. Ma non esiste una legislazione specifica sulla protezione dei conigli, ed è per questo che la realtà in cui sono costretti a vivere è fra le più dure. Gli animali, infatti, vivono in gabbie piccolissime che provocano loro ferite alle zampe, con una superficie a disposizione pari a un fazzoletto. Le madri sono sottoposte a ritmi frenetici: fanno nidiate di oltre dieci piccoli alla volta e vengono inseminate mentre stanno ancora allattando. Il loro tasso di mortalità, è del trenta percento l’anno. Quelle che sopravvivono, comunque, non vanno oltre i due anni di vita, superati i quali sono destinate al macello, per essere sostituite da coniglie più produttive. Il 5 e 6 dicembre Lav e Animal Equality saranno presenti nelle piazze italiane per chiedere che il coniglio sia equiparato agli animali da compagnia di Giulia Innocenzi

Maggiori informazioni sono disponibili su www.coraggioconiglio.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, voti e business: l’affare Cara di Mineo per richiedenti asilo

prev
Articolo Successivo

“Promettimi che non lavorerai mai!”. Un incubo di The Jakal per Servizio Pubblico

next