Coniglietti lasciati morire tra urine e feci perché troppo deboli o semplicemente piccoli, e coniglie destinate al macello perché poco produttive o malate. Questa la realtà di allevamenti ultraintensivi di conigli, filmate da infiltrati sotto copertura per un lavoro d’investigazione di Lav e Animal Equality che noi vi mostriamo in esclusiva. L’Italia è il primo produttore europeo di carne di coniglio: secondo Faostat la stima è di 175 milioni di capi prodotti ogni anno, per un consumo di 2,5 chili pro capite. Ma non esiste una legislazione specifica sulla protezione dei conigli, ed è per questo che la realtà in cui sono costretti a vivere è fra le più dure. Gli animali, infatti, vivono in gabbie piccolissime che provocano loro ferite alle zampe, con una superficie a disposizione pari a un fazzoletto. Le madri sono sottoposte a ritmi frenetici: fanno nidiate di oltre dieci piccoli alla volta e vengono inseminate mentre stanno ancora allattando. Il loro tasso di mortalità, è del trenta percento l’anno. Quelle che sopravvivono, comunque, non vanno oltre i due anni di vita, superati i quali sono destinate al macello, per essere sostituite da coniglie più produttive. Il 5 e 6 dicembre Lav e Animal Equality saranno presenti nelle piazze italiane per chiedere che il coniglio sia equiparato agli animali da compagnia di Giulia Innocenzi

Maggiori informazioni sono disponibili su www.coraggioconiglio.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, voti e business: l’affare Cara di Mineo per richiedenti asilo

next
Articolo Successivo

“Promettimi che non lavorerai mai!”. Un incubo di The Jakal per Servizio Pubblico

next