Il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha reso pubblico questo video registrato dal cellulare di Conrad Barrett, soprannominato “knockout guy“, dopo la sua condanna recente a 71 mesi di prigione per odio razziale. Il fatto è avvenuto a Katy nel Texas nel novembre del 2013 e diffuso ora dopo la condanna e mostra Barrett mentre si avvicina ad un uomo di colore, Roy Coleman di 79 anni, e lo colpisce violentemente con un pugno procurandogli la frattura della mascella e facendogli saltare alcuni denti. Barret è stato arrestato poche ore dopo l’aggressione a Coleman dopo che si vantava con gli amici in pubblico, senza accorgersi della presenza di un poliziotto fuori servizio che ha fermato l’uomo e sequestrato il filmato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentati Parigi: i Giusti che hanno vinto la paura

prev
Articolo Successivo

Eagles of Death Metal: “Molti si sono sacrificati per non abbandonare gli amici”

next