Siamo dei fast mover. Quelli che stanno recuperando terreno più velocemente assieme ai Paesi dell’Est e altri campioni del ritardo digitale come la Grecia. Ma se è vero che siamo un po’ più veloci che in passato rimane il fatto che partiamo da “una situazione di ritardo acclarata”. Così scrive il rapporto I-Com (Istituto per la competitività) nella sua analisi su Reti e servizi di nuova generazione che misura il diverso livello di maturità digitale raggiunto dai Paesi dell’Unione Europea.

I dati che fanno riferimento al 2014 dicono che secondo l’I-com broadband index con 70,4 punti siamo al 25° posto in Europa su 28 Paesi. Dietro di noi ci sono Bulgaria, Grecia e Romania. In testa con 100 punti c’è la Danimarca, seguita dalla Svezia con 99,6 e dalla Finlandia con 95,7. La Spagna è 15° con 79,2 e la Francia è 18° con 77,1. “L’Italia – è l’analisi di I-Com – registra un generale miglioramento, riducendo significativamente il gap rispetto al primo posto (da 38,2 punti percentuali a 29,6 punti percentuali), soprattutto grazie ai progressi compiuti nella copertura della banda ultra-larga sia fissa – sebbene ancora troppo al di sotto della media europea – che mobile”.

Rispetto al 2013 miglioriamo di una posizione con una variazione del 14% del punteggio complessivo, a fronte di una media europea del 5% che incrocia gli scarsi miglioramenti possibili per l’avanzato Nord Europa e i margini molto più ampi del Sud. Se invece diamo un’occhiata alla classifica relativa solo all’indice che misura l’offerta del broadband, la Penisola è al 23° posto con tre posizioni in più rispetto al 2013, mentre per quanto riguarda la domanda siamo ancorati in 21° posizione “senza incrementi apprezzabili rispetto all’anno precedente”. In questo caso la distanza dalla vetta è sostanzialmente doppia.

A sorpresa il rapporto svela il dinamismo del Sud con le regioni meridionali in testa per copertura della banda ultra larga. Secondo una survey realizzata con i dati di Telecom Italia, Fastweb e Vodafone, nella graduatoria delle abitazioni coperte dalla banda ultra larga (30 Mb) troviamo in testa la Calabria con oltre oltre 26 punti percentuali in più della media nazionale, pari al 37,8%. Seguono Campania (61,3%) e Lazio (57,9%). Male invece il Triveneto con il Trentino Alto Adige al 19,6%) e il Veneto al 22,7%, mentre in media con il dato nazionale sono Lombardia (38,9%) ed Emilia Romagna (39,8%).

Fra le province, 11 hanno un livello di copertura superiore al 60%. Anche qui in testa troviamo tre province meridionali come Crotone (82%), Napoli (81%) e Palermo (77%). Per quanto riguarda il mobile, la copertura in Lte (la banda larga) ha raggiunto percentuali superiori al 90% in molte delle Regioni italiane (rispetto alla popolazione), con una media nazionale che si situa all’89,6%. La Regione che soffre il maggior digital divide in questo caso è la Basilicata con il 71% di copertura, seguita dalla Sardegna con il 79%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Assassin’s Creed Syndicate, lotte tra gang per le strade della Londra Vittoriana

prev
Articolo Successivo

Apple iPad Pro, il tablet che abbatte il confine con i pc portatili. La prova su strada del Fatto.it

next