Una donna di 25 anni alla guida dell’auto ha investito ad alta velocità la folla riunita a Stillwater, in Oklahoma, per assistere ad una parata della Oklahoma State University. Secondo i media locali ci sarebbero tre morti e oltre venti feriti,  di cui otto gravi.

A renderlo noto è stato un portavoce della polizia, Kyle Gibbs, precisando che la ragazza è attualmente rinchiusa nel carcere della città ed è sospettata di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nella prossime ore sarà interrogata. Quella di oggi doveva essere una giornata di festa a Stillwater dove si svolgeva la tradizionale parata che coinvolge migliaia di studenti dell’Università dello Stato situato nella parte meridionale degli Usa.

I testimoni raccontano di una “scena terribile”. L’auto, che non faceva parte del corteo, si è avvicinata a forte velocità all’altezza dell’incrocio dove era prevista la fine della sfilata. Inizialmente ha travolto un agente di polizia in sella alla sua motocicletta, poi è piombata sugli spettatori. “La gente è stata sbalzata in aria come si trattasse di pupazzi, anche a dieci metri di altezza”, hanno raccontato i superstiti. La scena dopo l’impatto scioccante, con decine di corpi a terra, insanguinati, e un fuggi fuggi generale tra urla e pianti. Sul luogo dell’incidente sono subito arrivati decine di mezzi dei soccorsi e anche elicotteri-ambulanza che hanno trasportato i feriti gravi nei più vicini ospedali, tra Oklahoma City e Tulsa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni in Polonia, domenica si vota. Favorita la destra nazionalista anti-Ue

prev
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km 0 – Istanbul

next