Una donna di 25 anni alla guida dell’auto ha investito ad alta velocità la folla riunita a Stillwater, in Oklahoma, per assistere ad una parata della Oklahoma State University. Secondo i media locali ci sarebbero tre morti e oltre venti feriti,  di cui otto gravi.

A renderlo noto è stato un portavoce della polizia, Kyle Gibbs, precisando che la ragazza è attualmente rinchiusa nel carcere della città ed è sospettata di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nella prossime ore sarà interrogata. Quella di oggi doveva essere una giornata di festa a Stillwater dove si svolgeva la tradizionale parata che coinvolge migliaia di studenti dell’Università dello Stato situato nella parte meridionale degli Usa.

I testimoni raccontano di una “scena terribile”. L’auto, che non faceva parte del corteo, si è avvicinata a forte velocità all’altezza dell’incrocio dove era prevista la fine della sfilata. Inizialmente ha travolto un agente di polizia in sella alla sua motocicletta, poi è piombata sugli spettatori. “La gente è stata sbalzata in aria come si trattasse di pupazzi, anche a dieci metri di altezza”, hanno raccontato i superstiti. La scena dopo l’impatto scioccante, con decine di corpi a terra, insanguinati, e un fuggi fuggi generale tra urla e pianti. Sul luogo dell’incidente sono subito arrivati decine di mezzi dei soccorsi e anche elicotteri-ambulanza che hanno trasportato i feriti gravi nei più vicini ospedali, tra Oklahoma City e Tulsa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni in Polonia, domenica si vota. Favorita la destra nazionalista anti-Ue

next
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km 0 – Istanbul

next