La ninna nanna in questione, di origine toscana, riporta all’inizio i seguenti versi:

Fate la nanna coscine di pollo
perché la mamma vi ha fatto un gonnello
e ve l’ha fatto con lo smerlo attorno
fate la nanna coscine di polloninna nanna ninna oh
il bambino è della mamma
della mamma e di Gesù 
il bambino non piange più.

Le “coscine di pollo” (chiaramente, nell’originale, riferite con tenerezza a un neonato) mi hanno subito richiamato alla mente la triste fine che quasi sempre i polli fanno… in padella. Da questo suggerimento è nata la ninna nanna animalista a cui ho aggiunto qualche strofa sulla fine davvero infame delle migliaia di agnellini e capponi sgozzati e divorati senza pietà, per la ben nota crudeltà “umana”. Il che avviene in particolare nelle cosiddette festività religiose: Pasqua, Natale, ecc. Senza dimenticare infine l’orrenda sorte dei cani e dei gatti abbandonati sulle austostrade, guarda caso nelle medesime “festività religiose”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sharing economy, la gratuità si estende

next
Articolo Successivo

Diesel, Firenze ai vertici dell’inquinamento europeo: 31esima su 4.000 aree rilevate

next