Pratiche agevolate per avere pensioni di invalidità o indennità di accompagnamento in cambio sesso. E’ questa l’accusa che ha portato all’arresto, in esecuzione di una misura cautelare ai domiciliari, di un medico dell’Inps di Siena. Concussione e violenza sessuale i reati ipotizzati. Le indagini, condotte dai carabinieri di Poggibonsi e dal pm di Siena Fabio Gliozzi, sono partite otto mesi fa dopo la denuncia di una delle presunte vittime.

Secondo quanto spiegato dai militari, l’uomo, 64 anni, abusando della propria posizione di medico responsabile delle commissioni d’esame Inps, avrebbe indotto le pazienti che richiedevano di accedere al beneficio pensionistico per invalidità o all’accompagnamento, ad accettare “approcci sessuali concretizzatisi in palpeggiamenti e richieste di incontri privati per consumare rapporti sessuali“. In particolare sarebbe riuscito ad agevolare l’iter delle pratiche di chi aveva “accettato le richieste di natura sessuale, mentre le faceva negare a quelle pazienti che si erano dimostrate meno disponibili”. In alcuni casi alcuni benefici già riconosciuti in precedenti commissioni mediche, sarebbero stati negati perchè non sarebbero state accettate le proposte del medico.

Nel corso della perquisizione nell’abitazione dell’uomo, i carabinieri, hanno sequestrato documenti che potrebbero chiarire quante e quali agevolazioni siano state concesse a persone che non avrebbero avuto titolo. Il numero di benefici indebitamente concessi e il danno arrecato all’erario sono in corso di valutazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brescia, moglie di Bozzoli: “Screzi col fratello, situazione tesa”. Operai: “Quella sera fumata anomala in fonderia”

prev
Articolo Successivo

Tav, a Chiomonte raid vandalico nel bar frequentato da operai e poliziotti. “Giuda, vendi la valle per 30 caffè”

next