Una ragazza di 26 anni è morta durante il parto. La donna, originaria del Brasile, è stata sottoposta a un cesareo d’urgenza a causa di alcune complicazioni nell’ultima fase della gravidanza; fatale è stato il secondo di due arresti cardiaci subiti dalla donna. E’ successo all’ospedale Agnelli di Pinerolo (Torino). La figlia è stata salvata nonostante una crisi respiratoria ed è stata trasportata all’ospedale Santa Croce di Cuneo. Il pm Raffaele Guariniello della Procura di Torino ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, al momento a carico di ignoti. La donna era alla 41esima settimana di gravidanza ed è stata ricoverata due giorni fa, lunedì 19. Martedì è stato indotto il travaglio perché non aveva contrazioni spontanee. La direzione generale di Asl Torino 3 ha specificato che è “una procedura normalmente eseguita in questi casi”.

Dopo le prime contrazioni la paziente ha cominciato a lamentarsi con l’ostetrica. Mentre quest’ultima è andata a prendere i guanti la donna ha perso conoscenza; è stata quindi trasferita nella sala cesarei mentre si prova a rianimarla ma il secondo arresto cardiaco le è stato fatale. L’Asl ha riferito che “sta svolgendo accertamenti diretti a identificare le cause del decesso e a verificare la correttezza clinica dell’operato di medici e infermieri”. E’ già stata disposta l’autopsia per chiarire le cause della morte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, maxi-blitz antidroga: 37 arresti per traffico di cocaina e hashish

prev
Articolo Successivo

Tumore Papa Francesco, il medico: “Mai curato Bergoglio”. Ma online pubblica foto di un viaggio a Roma

next