ilva-nuovo-675Non è la prima volta che Ilva finisce sotto processo. Ma questo processo ha sette novità importanti da segnalare:
1) Fattore D: Diossina. Tocca l’avvelenamento delle sostanze alimentari. Reato per cui sono previste pene altissime. Mai era stato toccato questo aspetto a Taranto.
2) Fattore P: Politica. Tocca politici che hanno governato. Mai era stato violato questo “livello eccellente” a Taranto per i processi ambientali. Ed è una novità dirompente anche nel panorama nazionale.
3) Fattore E: Epidemiologia. Mai era stata fatta un’indagine epidemiologica per accertare il nesso fra inquinamento e salute sull’intera città di Taranto.
Inoltre vanno segnalati altri aspetti di assoluta importanza:
4) Disastro ambientale: il processo per la prima volta in Italia abbraccia un territorio così ampio (per la diossina sono stati interdetti i pascoli liberi in un raggio di 20 chilometri);
5) Parti civili: siamo arrivati a superare le 1300 parti civili, l’estensione della richiesta di risarcimenti coinvolge ormai ampi pezzi della città, a parte i 20 mila creditori che bussano alle porte dell’Ilva nel tribunale fallimentare di Milano;
6) Associazione a delinquere: una gravissima accusa è stata mossa a molti imputati, ed è argomentata anche con intercettazioni telefoniche che mai erano state effettuate a Taranto e che hanno scoperchiato un mondo inquietante;
7) Processo apripista: molte città inquinate in Italia guardano a Taranto come ad un esempio a cui ispirarsi: chiedono anch’esse giustizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energie rinnovabili: chi ne sminuisce la crescita?

next
Articolo Successivo

Liguria, frane e alluvioni in aumento. Ma a Toti non bastano

next