Mi sono trovato in una lunga sala d’attesa che adesso è finita. Rimane la grande solidarietà delle persone che mi hanno sostenuto qui e in Francia”. Lo ha detto Erri De Luca, commentando l’assoluzione in tribunale a Torino dall’accusa di istigazione a delinquere perché il fatto non sussiste. “Ero tranquillo, perché – ha spiegato – avevo fatto il possibile. Questa assoluzione ribadisce il vigore dell’articolo 21 della Costituzione che garantisce la più ampia libertà di parola, che i padri della Costituzione hanno voluto regalare agli italiani”. Poi lo scrittore napoletano ha aggiunto: “E’ stata impedita una ingiustizia, quest’aula è un avamposto sul presente prossimo. Ora mi sento tornato un cittadino qualunque, ma la Val di Susa resta una questione che mi riguarda”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stamina, Davide Vannoni prescritto per tentata truffa alla Regione Piemonte

next
Articolo Successivo

Erri De Luca assolto, ‘La parola contraria’ lo salva. A vincere è la giustizia

next