“Un sistema scorretto di gestione della spesa, deviato dalle finalità istituzionali”. A evidenziare che i rimborsi contestati ai consiglieri regionali dell’Emilia Romagna non sono stati semplici “irregolarità contabili di tipo marginale” sono state le indagini richiamate nelle citazioni in giudizio della Procura della Corte dei Conti. I politici devono rispondere, nel processo davanti alla sezione giurisdizionale, delle spese messe a rimborso nel 2012 dai gruppi dell’assemblea legislativa.

Si tratta del versante contabile delle indagini sui rendiconti, che ha interessato l’anno successivo rispetto al periodo oggetto dell’inchiesta penale, chiusa con 40 richieste di rinvio a giudizio. Il processo in Corte dei Conti, che oggi ha preso il via per dieci consiglieri e per i capigruppo, è stato sospeso in attesa della pronuncia della Corte costituzionale sul conflitto di attribuzione sollevato dalla Regione e discusso ieri davanti ai giudici della Consulta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, il sindaco Merola defenestra l’assessore Ronchi. Sembrano Totò e Peppino

prev
Articolo Successivo

Ferrara. “Assistente ha la sindrome di down, mamma ritira bimba dal nido”

next