Papa Francesco come un crociato. L’immagine del pontefice con sotto la scritta “crusader pope” è comparsa su Dabiq, la rivista online propagandistica dell’Isis. La fotografia a tutta pagina raffigura il Papa in compagnia di esponenti religiosi islamici che vengono definiti “studiosi governativi apostati“.

Gli apparati di Intelligence, ad una prima analisi, tendono a considerarlo “un tentativo surrettizio di cavalcare la popolarità del pontefice indicando una figura simbolica nel tentativo di aggregare il più vasto numero di persone possibile. Non si tratta del preannuncio di un’azione. Qui siamo nel campo della propaganda contro coloro che vengono definiti i nemici dell’Islam, una sorta di ‘benedizione’ rivolta ai cosiddetti ‘cani sciolti’ più che un progetto di azione concreta”.

Gli attacchi al Papa erano finora rimasti sui social o sui siti non ufficiali, la comparsa della fotografia sulla pagina web della rivista ufficiale del Califfato indica, secondo l’Intelligence, “un upgrading propagandistico”.

La rivista online Dabiq è considerata un vero e proprio pilastro del “Jihad 2.0”, che vuole riuscire ad accreditare l’Isis come un vero e proprio Stato di diritto. Un esempio tra i tanti della propaganda web del Califfato, frutto dell’impegno quotidiano di almeno tremila “guerrieri del CyberJihad“. Il nome della testata fa riferimento alla battaglia di Marj Dabiq,  combattuta in Siria nell’agosto del 1516, che determinò l’inizio della supremazia degli Ottomani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra, italiano ucciso e gettato in un canale: era legato a carrello della spesa

next
Articolo Successivo

Migranti, a 110 anni scappa da Kabul Arriva in Germania dopo fuga di 8 mesi

next