Il Tribunale di Milano ha dichiarato nullo il marchio cosmetico Neve, vietandone l’utilizzazione in quanto confondibile con la storica Nivea della società tedesca Beiersdorf. Secondo i giudici, infatti, la parola “Neve” non può essere utilizzata da altri concorrenti come marchio nel settore cosmetico perché altro non è che la traduzione dal latino della parola nivea, ossia “bianco come la neve”.

Secondo la sentenza, quindi, anche quando le parole che costituiscono i marchi sono apparentemente diverse vi può essere confondibilità e quindi uso illecito quando il consumatore possa “associare” mentalmente i due segni e quindi i rispettivi prodotti. Tale associazione può crearsi anche in via per così dire “subliminale” per motivi legati all’origine storica ed etimologica delle parole.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hewlett Packard taglierà fino a 30mila posti. “Risparmi per 2,7 miliardi”

prev
Articolo Successivo

Ab Inbev-SabMiller, i maggiori produttori mondiali di birra verso la fusione

next