Nel 2004 Kate Winslet nel film Se mi lasci ti cancello, dopo una delusione d’amore andava in una clinica e si faceva cancellare tutti i ricordi collegati all’ex fidanzato. Undici anni dopo, fuori dal grande schermo, uno studio realizzato in Giappone potrebbe far diventare l’eliminazione della memoria una cosa reale.

I ricercatori della Japan Science and Technology Agency, coordinati da Haruo Kasai, con un raggio di luce opportunamente diretto all’interno del cervello di alcuni topi sono riusciti a cancellare un ricordo appena acquisito.

Gli studiosi prima hanno insegnato all’animale a stare dentro un tubo mentre rotola senza cadere, identificando quale tra i dendriti, i filamenti che connettono i neuroni, era coinvolto nell’apprendimento. Hanno quindi notato che la formazione della memoria provoca un microscopico aumento di una cresta nel dendrite: riportando la cresta alla sua dimensione normale i ricercatori hanno cancellato la memoria appena formata.

L’esperimento, pubblicato sulla rivista Nature, servirà a capire meglio come avviene la formazione dei ricordi nell’uomo: “Anche se la teoria era comunemente accettata tra i ricercatori – scrive la rivista in un editoriale di accompagnamento – non c’era una prova evidente della correlazione tra questi cambiamenti e la formazione delle memorie. Questo studio è solo il primo passo, e non passerà molto tempo prima che sia possibile anche il processo opposto, facendo imparare ai topi degli esercizi senza che li facciano”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindone, il chimico, la fede e la scienza

next
Articolo Successivo

Spazio: sonda Cassini scopre un enorme oceano d’acqua che avvolge Encelado, luna di Saturno

next