Condivide su Facebook la prima pagina del Manifesto con la foto di Aylan, il bambino siriano morto sulla spiaggia di Bodrum, e scrive: “Con la politica italiana ci sarebbe costato 50 euro al giorno, meglio così non ci costa niente e speriamo che succeda ancora”. Per questo Giorgio Artioli, di Bolzano, è stato identificato e denunciato per violazione della legge Mancino che sanziona le manifestazioni di discriminazione razziale, etnica, religiosa o nazionale.

screenshot-insulti-aylanA segnalare il post sul profilo di Artioli era stata Selvaggia Lucarelli, blogger e giornalista de Il Fatto Quotidiano, che sempre su Facebook aveva chiesto l’intervento della questura di Bolzano. La giornalista nel suo post ha ricordato che in Germania un estremista tedesco di 26 anni era stato arrestato per aver scritto un contenuto molto simile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, 17enne ucciso era l’obiettivo dei killer. Alfano: “Subito invio di rinforzi”

next
Articolo Successivo

Monte bianco, Italia e Francia litigano ancora per il confine

next