Non sono romano, nel senso che non sono nato a Roma e non considero Roma la mia città. Ma sono cittadino romano, nel senso che ci vivo e ci ho vissuto complessivamente e non consecutivamente ormai una ventina d’anni. E sono juventino, non da ultrà, ma visceralmente e palesemente.

Mai in passato, l’essere cittadino romano e tifoso juventino m’hanno contestualmente creato così tanti imbarazzi. E, onestamente, la sconfitta di domenica in campionato – maledetta!, ma meritata – non c’entra nulla.

Comincio dagli imbarazzi più futili, quelli del tifoso. Che non sopporta gli ultrà, qualsiasi sciarpa portino al collo. E che tifa sempre ‘per’ e mai ‘contro’, anche se qualche radicata antipatia la nutre: la mia generazione juventina ce l’ha con l’Inter, non con la Roma – non è una dichiarazione di pace; in un certo senso, è peggio. Ragazzotto, andai in giro per la Lomellina a lanciare volantini di vittoria il 1° giugno 1967 (e ne uscì notizia su La Provincia Pavese); uomo fatto, organizzai un corteo – di due auto – con clacson e bandiere per Washington il 5 maggio 2002 (e ne feci notizia per l’Ansa); e spero nel ‘non c’è due senza tre’ per rinverdirmi la tarda età.

E mi imbarazza il tifoso (juventino) piemontese (di Moncalieri) assessore (romano) e senatore che, in una trasmissione radiofonica di cui non apprezzo lo stile di conduzione e che quindi non ascolto, si adegua allo stile e ricorre a termini inutilmente volgari per esprimere la sua juventinità (che diventa anti-romanità).

Non conosco il senatore assessore Stefano Esposito, che, nella stessa intervista, si rivela ‘leggero’ come assessore – s’è appena insediato e si farà – quanto ‘pesante’ come tifoso. E spero che abbia molte occasioni d’esprimere la sua juventinità in modo gioioso, ma pacato, festeggiando uno scudetto – il 34°, ovviamente – o una Champions – magari, in finale contro la Roma all’Olimpico. ‘Forza Juve’ sempre, ‘Abbasso’ mai.

E veniamo agli imbarazzi più seri, quelli del cittadino – e un po’ tanto anche del giornalista. Mafia Capitale, il funerale show del boss Casamonica, oggi la manifestazione ‘anti-Mafia’ – tirata per le lunghe, perché ad agosto i romani non ci sono (ma i Casamonica c’erano), anche se poi suona bene la coincidenza con l’anniversario dell’uccisione di Dalla Chiesa; e, ancora, le polemiche sul sindaco, che è una brava persona, ma non può essere solo una brava persona; sul Prefetto, che è uno che forse ci sta, ma senz’altro ci fa; e, come sempre, su tutto, il governo, la politica, il Giubileo, la stampa. Che, in una città dove adesso ‘tutti sapevano’, il Mondo di mezzo e le combutte, la mafia e le cooperative, non ha mai saputo nulla; o – ed è peggio – non ha mai scritto nulla.

Uno dice: “Sfido che ti imbarazzi!”. Ma l’imbarazzo mio è quello del cittadino fra cittadini che cercano responsabili, ma non s’assumono la loro responsabilità. Se Roma è così, è anche perché ‘noi romani’ la viviamo così. La vogliamo diversa? Abbiamo cura del bene e del verde pubblico, teniamo in ordine la facciata del palazzo e pulito il marciapiede davanti a casa, compriamo il biglietto per l’autobus – io stamane non l’ho fatto e non mi assolvo perché la macchinetta sull’85 era, come spesso capita, fuori uso, non facciamo i furbi nelle code, siamo cortesi con il prossimo nella metro e per strada, accettiamo e paghiamo le multe – e, ovviamente, le tasse -, non parcheggiamo in seconda fila, andiamo di paletta dietro i nostri cani, siamo intolleranti dell’altrui lassismo come del nostro, viviamo da cittadini ‘padroni’ della nostra città. Che è di tutti; e quindi è anche nostra.

In sintesi, diamo ciascuno il meglio perché Roma nel Mondo non sia Mafia Capitale, o lo show dei Casamonica. Non basta, certo, se la politica non segue. Ma aiuta. E molto. Se non altro a essere meno imbarazzati e a farci sentire meno peggio (se non bene).

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il divorzio non ha più età

next
Articolo Successivo

Rivoluzione, i ragazzi e il credo che non c’è più

next